Procedure di decontaminazione

La paura del dentista è anche generata da quello che non conosciamo. Vediamo adesso cosa facciamo per voi e per la vostra sicurezza e che come pazienti vi sarete tante volte domandati.
Piani e superfici le ricopriamo con pellicola monouso ,raccogliendo i batteri e i virus che si mobilizzano durante le terapie. Per il paziente successivo le pellicole vengono rimosse, la superficie decontaminata e poi nuovamente coperta con della pellicola per il paziente successivo.
Il nostro studio ha 3 unità operative proprio per poter fare le procedure di riordino-decontaminazione delle sale nel modo migliore senza trascurare nulla.

Le procedure di sterilizzazione

Per assicurare l’assoluta sterilità, tutti gli strumenti vengono sterilizzati per mezzo dell’autoclave, dallo strumento chirurgico alla turbina (il trapano), alle frese. Nel nostro studio ci sono due autoclavi sempre attive per questo e un’assistente dedicata solo alla sala di sterilizzazione.

La procedura tuttavia è piuttosto lunga:

  1. Gli strumenti vengono spostati in sala sterilizzo dove vengono suddivisi;
  2. Vengono immersi in acido paracetico, sterilizzante a freddo;
  3. Successivamente immessi in vasca di ultrasuoni per eliminare tutto ciò che è adeso allo strumento da cui viene eliminato;
  4. Pulizia manuale con spazzole e retine per eliminare eventuali zone resistenti;
  5. Controllo visivo della pulizia di superficie e successiva imbustatura dello strumento;
  6. Autoclave che sterilizza tutto a 135°C con 1 atm di pressione;
  7. Tutto lo strumentario viene stoccato.

Il controllo di sterilizzazione

  1. Ad ogni passaggio viene esaminata un cartina che vira di colore quando la sterilizzazione è avvenuta;
  2. Giornalmente viene eseguito il test di bowe &dick ed elix test;
  3. Semestralmente il test batteriologico.